TrasBloc
creazione artistica collettiva

TrasBloc è il titolo di un raro progetto transregionale di creazione artistica condivisa, primo e innovativo esempio di questo genere nel panorama italiano del settore, che coinvolge 15 promettenti e giovani allievi di età comprese tra i 12 e i 19 anni provenienti da 7 scuole di circo contemporaneo dislocate tra Piemonte e Liguria.

Il progetto ha come obiettivo finale la realizzazione di uno spettacolo che verrà presentato in alcuni festival di teatro di strada e circo contemporaneo di Piemonte e Liguria durante l’estate del 2020. Con il supporto tecnico e logistico delle scuole di circo coinvolte, sotto la guida artistica del regista Riccardo Massidda e il coordinamento pedagogico di Giulia Marro, entrambi collaboratori della scuola di circo Fuma che n’duma di Cavallermaggiore (CN), il progetto prevede cinque residenze di creazione nel periodo compreso tra novembre 2019 e giugno 2020 tra Bra (CN), Genova, Savigliano (CN), La Spezia e Torino.

Questo progetto pilota è parte di un progetto collaborativo più ampio, denominato Quinta Parete > Circus Community, che coinvolge nel biennio 2019/2020 11 organizzazioni di circo contemporaneo del territorio liguro-piemontese, grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo e del Mibac.

Un progetto indirizzato allo sviluppo di strategie di audience engagement con l’obiettivo generale di sviluppare e consolidare le comunità di circo dei partner, favorendo dinamiche di scambio fra essi e l’avvio di nuovi processi di partecipazione culturale da parte del pubblico. In linea con questi obiettivi e dalle sinergie nate e sviluppate nei vari incontri, è sorta l’esigenza di consolidare la rete attraverso un progetto condiviso, che potesse coinvolgere attivamente i partner nel perseguimento di un obiettivo comune e dalla quale è nata l’idea della co-creazione.

La prima tappa di creazione si è svolta dall’1 al 3 novembre 2019 a Savigliano (CN), sotto il tendone da circo dell’associazione Fuma che ‘nduma. I ragazzi hanno manifestato il loro entusiasmo mettendosi a disposizione del regista in tre intense giornate che si sono concluse con una restituzione, di fronte a un centinaio di affascinati spettatori, di un primo elaborato che vedrà la sua completa realizzazione a giugno.
Dal 4 al 6 gennaio 2020 si è svolta la seconda residenza creativa nella sede della scuola Circo Galleggiante di La Spezia e entro il mese di giugno i giovani artisti circensi proseguiranno questo percorso dall’alto valore formativo, sia sul piano artistico che su quello personale, in altre tre residenze creative ospitate da altre scuole del progetto: dal 22 al 24 febbraio alla Scuola Circo TeatrAzionE di Torino, dal 9 all’11 aprile alla UP di Bra (CN) e dal 31 maggio al 2 giugno alla sYnergiKa di Genova.


I 15 giovani allievi

I ragazzi partecipanti al progetto di co-creazione sono iscritti a 8 scuole di circo educativo e sono:
– Federica Periore (18 anni), Francesco Cravero (17 anni) e Andrea Monterosso (17 anni) della scuola Fuma che ‘nduma di Cavallermaggiore (CN);
– Emma Sigismondi (15 anni) e Maja Marchini (15 anni) della scuola Circo Galleggiante di La Spezia;
– Lucia Persia (14 anni) della scuola sYnergika di Genova;
– Matteo Enrico Lenta (16 anni) e Aurora Gamba(15 anni) della scuola UP di Bra (CN);
– Edoardo Damiano (12 anni), Mattia Galignano (12 anni) e Sara Spartiti (16 anni) della scuola Jaqulè di Volvera (TO);
– Alessia Atzori (12 anni), Irene Moretta (13 anni) e Davide Juri Jalla (13 anni) della scuola TeatrAazionE di Torino;
– Giovanni Rottoli (19 anni) della scuola Arcobaleno di Borgosesia (VC);


Il regista Riccardo Massidda

Riccardo Massidda, dopo un percorso di esplorazione tra teatro, performance e videomaking all’età di 23 anni viene folgorato dal linguaggio del circo contemporaneo e nel 2010 si diploma alla FLIC Scuola di Circo di Torino. Da lì prosegue il suo percorso, vincendo il bando europeo Trans-mission con La Famiglia Circovskij. Desideroso di ampliare la sua visione sul circo decide di approfondire la conoscenza del circo tradizionale entrando a far parte della famiglia Bellucci Medini con la quale girerà Italia e Romania per 3 anni, trovandosi a dirigere lo spettacolo “Ciao Italia!” e il dinner show “Gran Varietè Bellucci”. Dopo questa esperienza torna a Torino dove diventa insegnante di palo cinese, movimento scenico e creazione collettiva alla FLIC. È tra i fondatori delle associazioni di circo contemporaneo Cordata F.O.R. e Fabbrica C con la quale ha debuttato nel settembre 2018 con lo spettacolo ‘I Minuetti’. Interpreta e co-dirige insieme a Stevie Boyd la produzione FLIC “Moonlight Swing” nel 2018. Collabora nella gestione e nella direzione artistica delle scuole di piccolo circo “Fuma che ‘Nduma” e del festival “Il Ruggito Delle Pulci”.

I partner del progetto “TrasBloc”

I partner di Quinta Patrete > Circus Community sono coinvolti, a vario titolo, nello sviluppo di TrasBloc.
Le scuole di circo, alcune delle quali ospitano le residenze creative, inviano gli allievi che partecipano alla creazione:
Jaqulè – Orbassano (TO)  www.jaqule.com
Fuma che n’duma – Racconigi (CN)  bimbocirco.wordpress.com
Arcobaleno – Borgosesia (VC)  www.sportarcobaleno.it
Teatrazione – Torino  www.teatrazione.com
UP scuola di circo – Bra (CN)  www.upscuoladicirco.com
Circo Galleggiante – La Spezia (SP)  www.circogalleggiante.it
sYnergiKa – Genova  www.synergikaasd.com
L’Ass. Giocolieri e Dintorni di Civitavecchia (RM) www.giocolieriedintorni.it  supervisiona lo sviluppo dell’iniziatva in qualità di project manager,
La FLIC Scuola di Circo di Torino, www.flicscuolacirco.it  unica scuola professionale di circo della rete, partecipa alle fasi di Trasbloc e si occupa della comunicazione verso l’esterno,
I festival partner di QPCC saranno impegnati nell’ospitare la creazione all’interno delle loro programmazioni:
Idea Agorà / Festival Mirabilia – Fossano (CN)  www.festivalmirabilia.it
Magda Clan / Rassegna Mon Circo – Montiglio Monferrato (AT)  www.moncirco.com
Sarabanda / Festival Circumnavigando – Genova  www.sarabanda-associazione.it/circumnavigando

Con il sostegno di

Nel frattempo, per avere un’idea delle attività svolte nel corso della prima edizione di Quinta parete > OPEN vi consigliamo di leggere il numero 77 di Juggling Magazine, dedicato interamente a Quinta Parete > OPEN, e qui disponibile in versione pdf online
https://issuu.com/jugmag/docs/jug_n_77_web