TrasBloc
creazione artistica collettiva

Ha preso il via a novembre 2019 un raro progetto transregionale di creazione artistica condivisa, primo e innovativo esempio di questo genere nel panorama italiano del settore che coinvolge 13 promettenti e giovani allievi di età comprese tra i 12 e i 19 anni che frequentano 7 scuole di circo contemporaneo dislocate tra Piemonte e Liguria.
L’iniziativa è nata all’interno di “Quinta Parete > Circus Community”, un progetto collaborativo a cura dell’Associazione Giocolieri e Dintorni e APS Jaqulè, in partenariato con 11 organizzazioni di circo e sostenuto dalla Compagnia di San Paolo e dal Mibac.

TrasBloc è il titolo originario di un progetto che aveva come obiettivo finale la realizzazione di uno spettacolo da presentare in alcuni festival di teatro di strada e circo contemporaneo di Piemonte e Liguria nell’estate del 2020.

Un progetto pilota nato all’interno di un progetto collaborativo più ampio, denominato “Quinta Parete > Circus Community”, che dal 2019 sta coinvolgendo 11 organizzazioni di circo contemporaneo del territorio liguro-piemontese, grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo e del MiBACT.

Un progetto indirizzato allo sviluppo di strategie di audience engagement con l’obiettivo generale di sviluppare e consolidare le comunità di circo dei partner, favorendo dinamiche di scambio fra essi e l’avvio di nuovi processi di partecipazione culturale da parte del pubblico.

In linea con questi obiettivi e dalle sinergie nate e sviluppate nei vari incontri, è sorta l’esigenza di consolidare la rete attraverso un progetto condiviso, che potesse coinvolgere attivamente i partner nel perseguimento di un obiettivo comune e dalla quale è nata l’idea della co-creazione, primo e innovativo esempio di questo genere nel panorama italiano del settore.

Con il supporto tecnico e logistico delle scuole di circo coinvolte, sotto la guida artistica del regista Riccardo Massidda e il coordinamento pedagogico di Giulia Marro, entrambi collaboratori della scuola di circo Fuma che n’duma di Cavallermaggiore (CN), il progetto prevedeva inizialmente residenze di creazione, nel periodo compreso tra novembre 2019 e giugno 2020, a Bra (CN), Genova, Savigliano (CN), La Spezia e Torino. Il lockdown dovuto alla pandemia da Covid-19 ha stravolto i piani del progetto che arriva comunque a conclusione grazie alla passione e al grande lavoro delle realtà coinvolte.

La prima tappa di creazione si è svolta dall’1 al 3 novembre a Savigliano (CN), sotto il tendone da circo della scuola Fuma che ‘nduma, la seconda dal 4 al 6 gennaio snella sede della scuola Circo Galleggiante di La Spezia e la terza dal 22 al 24 febbraio alla Scuola Circo TeatrAzionE di Torino,
Con l’arrivo del lock down si è dovuto rinunciare alle tappe di creazione previste a Bra (CN) ad aprile presso la scuola UP e giugno a Genova presso la scuola SynergiKa. Con il ritorno graduale alla normalità, i ragazzi hanno manifestato il loro entusiasmo mettendosi a disposizione del regista e del gruppo do lavoro e si è concretizzata la possibilità di svolgere una nuova tappa creativa a La Spezia dal 27 agosto al 4 settembre, grazie alla nuova disponibilità della scuola Circo Galleggiante, e di fissare il debutto il 4 settembre nel contesto di Mirabilia, prestigioso festival internazionale del Circo e delle Arti Performative.

 Il gruppo ha deciso di dare al proprio collettivo il nome di “I piccioni dello Zodiaco” e allo spettacolo il titolo “L’amore”. L’intenzione è quella di creare uno spettacolo che trasmetta al pubblico emozioni e punti di vista diversi legati al tema dell’amore, attraverso il linguaggio poetico del circo contemporaneo. L’amore inteso in molte delle sue manifestazioni, non solo quello relativo a una coppia, in uno spettacolo che vuole divertire e allo stesso tempo far riflettere su quanto sia importante nella vita di tutti i giorni. Tra le varie tecniche e discipline circensi utilizzate ci saranno giocoleria, equilibrismo, acrobatica, tessuti e corda aerei, trapezio, monociclo e verticalismo.

.


I 15 giovani allievi coinvolti

I ragazzi partecipanti al progetto di co-creazione sono iscritti a 8 scuole di circo educativo e sono:
– Federica Periore (18 anni), Francesco Cravero (17 anni) e Andrea Monterosso (17 anni) della scuola Fuma che ‘nduma di Cavallermaggiore (CN);
– Emma Sigismondi (15 anni) e Maja Marchini (15 anni) della scuola Circo Galleggiante di La Spezia;
– Lucia Persia (14 anni) della scuola sYnergika di Genova;
– Matteo Enrico Lenta (16 anni) e Aurora Gamba(15 anni) della scuola UP di Bra (CN);
– Edoardo Damiano (12 anni), Mattia Galignano (12 anni) e Sara Spartiti (16 anni) della scuola Jaqulè di Volvera (TO);
– Alessia Atzori (12 anni), Irene Moretta (13 anni) e Davide Juri Jalla (13 anni) della scuola TeatrAazionE di Torino;
– Giovanni Rottoli (19 anni) della scuola Arcobaleno di Borgosesia (VC);
Non potranno purtroppo partecipare a queste fasi finali, per altri impegni sopraggiunti, due giovani circensi che hanno partecipato alle precedenti fasi: Aurora Gamba (15 anni) della scuola UP di Bra (CN) e Sara Spartiti (16 anni) della scuola Jaqulè di Volvera (TO);.


Il regista Riccardo Massidda

Riccardo Massidda, dopo un percorso di esplorazione tra teatro, performance e videomaking all’età di 23 anni viene folgorato dal linguaggio del circo contemporaneo e nel 2010 si diploma alla FLIC Scuola di Circo di Torino. Da lì prosegue il suo percorso, vincendo il bando europeo Trans-mission con La Famiglia Circovskij. Desideroso di ampliare la sua visione sul circo decide di approfondire la conoscenza del circo tradizionale entrando a far parte della famiglia Bellucci Medini con la quale girerà Italia e Romania per 3 anni, trovandosi a dirigere lo spettacolo “Ciao Italia!” e il dinner show “Gran Varietè Bellucci”. Dopo questa esperienza torna a Torino dove diventa insegnante di palo cinese, movimento scenico e creazione collettiva alla FLIC. È tra i fondatori delle associazioni di circo contemporaneo Cordata F.O.R. e Fabbrica C con la quale ha debuttato nel settembre 2018 con lo spettacolo ‘I Minuetti’. Interpreta e co-dirige insieme a Stevie Boyd la produzione FLIC “Moonlight Swing” nel 2018. Collabora nella gestione e nella direzione artistica delle scuole di piccolo circo “Fuma che ‘Nduma” e del festival “Il Ruggito Delle Pulci”.

I partner del progetto “TrasBloc”

I partner di Quinta Patrete > Circus Community sono coinvolti, a vario titolo, nello sviluppo di TrasBloc.
Le scuole di circo, alcune delle quali ospitano le residenze creative e alle quali sono iscritti gli allievi che partecipano alla creazione:
Jaqulè – Orbassano (TO)  www.jaqule.com
Fuma che n’duma – Racconigi (CN)  bimbocirco.wordpress.com
Arcobaleno – Borgosesia (VC)  www.sportarcobaleno.it
Teatrazione – Torino  www.teatrazione.com
UP scuola di circo – Bra (CN)  www.upscuoladicirco.com
Circo Galleggiante – La Spezia (SP)  www.circogalleggiante.it
sYnergiKa – Genova  www.synergikaasd.com
Oltre alle scuole, sono coinvolte nell’iniziativa l’Ass. Giocolieri e Dintorni di Civitavecchia (RM) www.giocolieriedintorni.it  supervisiona lo sviluppo dell’iniziatva in qualità di project manager e la FLIC Scuola di Circo di Torino, www.flicscuolacirco.it  unica scuola professionale di circo della rete, che si occupa della comunicazione verso l’esterno,
I festival partner di QPCC sono:
Idea Agorà / Festival Mirabilia – Fossano (CN)  www.festivalmirabilia.it
Magda Clan / Rassegna Mon Circo – Montiglio Monferrato (AT)  www.moncirco.com
Sarabanda / Festival Circumnavigando – Genova  www.sarabanda-associazione.it/circumnavigando

Ufficio Stampa Lp Press
Luigi Piga – cell. 3480420650 – luigipiga@lp-press.com

Con il sostegno di

Nel frattempo, per avere un’idea delle attività svolte nel corso della prima edizione di Quinta parete > OPEN vi consigliamo di leggere il numero 77 di Juggling Magazine, dedicato interamente a Quinta Parete > OPEN, e qui disponibile in versione pdf online
https://issuu.com/jugmag/docs/jug_n_77_web